Recco

Golfo Paradiso – Levante News tutte le notizie dalla riviera ligure e dall'entroterra

  • Recco: domani gazebo del candidato sindaco Sergio Siri
    by Consuelo on 22 Marzo 2019 at 18:22

    Da Gianluca Musante, Segretario del Circolo Pd Recco Avegno Uscio, riceviamo e pubblichiamo Sabato 23 marzo dalle ore 10.00 il Circolo Pd Recco-Avegno-Uscio insieme alla lista civica “Immagina Recco – Siri Sindaco” saranno presenti con un Gazebo a Recco, Piazza del Comune (zona bar Perla) a disposizione dei cittadini che vorranno avere informazioni e conoscere il nostro candidato […]

  • Camogli: Teatro Sociale, quattro grandi giornate create con le Associazioni
    by Consuelo on 22 Marzo 2019 at 18:13

    Testo e foto di Consuelo Pallavicini Tra le novità introdotte nel nuovo corso inerente la gestione del Teatro Sociale di Camogli, Farida Simonetti, presidente della Fondazione Teatro Sociale e il sovrintendente Sergio Maifredi, hanno promosso un incontro con i rappresentanti e gli amici delle Associazioni con sede a Camogli e a Recco. Concretamente – come […]

  • Camogli: “Adolescenti in-dipendenti”, in corso il primo incontro
    by Consuelo on 22 Marzo 2019 at 18:01

    “Adolescenti in-dipendenti”: questo è il titolo della serie di incontri, promossi dall’amministrazione comunale di Camogli, sui temi dell’adolescenza, delle dipendenze (alcol, sostanze, tecnologie) e dei disturbi del comportamento alimentare. Quattro appuntamenti coordinati da Margherita Ceravolo, responsabile area servizi alla persona del Comune, il primo dei quali è in corso in sala Consiliare. La tematica affrontata […]

  • Golfo Paradiso: i fuochi di pulizia costano 2.000 euro
    by marco on 22 Marzo 2019 at 16:57

    Il fumo si vede, anche da lontano. E così, specie in un periodo in cui la Regione ha decretato lo stato di grave pericolosità, accendere un fuoco di pulizia è come volersi autodenunciare. I carabinieri forestali sono intervenuti a Sori e ad Uscio elevando a ciascuno dei responsabili una sanzione da 2.000 euro. […]

  • Giornate Fai di primavera: luoghi da visitare nel Levante
    by Alessia on 22 Marzo 2019 at 14:01

    Dall’ufficio stampa del Fai riceviamo e pubblichiamo Lo splendido paradosso della bellezza italiana è l’essere insieme quotidiana e straordinaria, a volte sontuosa ed esplicita, altre nascosta e ferita, ma sempre così profondamente nostra da definire chi siamo e ricordarci gli innumerevoli intrecci che hanno tessuto le nostre origini, lasciando impronte nel nostro patrimonio culturale quasi […]

  • Recco: “Café philo”, appuntamento con la poesia
    by Consuelo on 22 Marzo 2019 at 13:56

    Da Café philo Recco riceviamo e pubblichiamo Prossimo incontro di Café philo a Recco: martedì 26 marzo alle 19.30 al ristorante Da Lino, via Roma 70, Recco. E fu subito Poesia ‘La poesia è poesia quando porta con sé un segreto.’ G. Ungaretti ‘La poesia è una non specialità, un immergersi nel non lo so.’ Chandra […]

  • San Fruttuoso: accesso al Borgo, via ai lavori di messa in sicurezza
    by marco on 22 Marzo 2019 at 12:28

    Dal Comune di Camogli riceviamo e pubblichiamo Partiranno il 25 Marzo gli interventi di ripristino e messa in sicurezza dei percorsi di accesso alla spiaggia di San Fruttuoso di Camogli. L’Amministrazione Comunale ha stanziato, a bilancio appena approvato, oltre ventimila euro per ripristinare i danni della mareggiata dell’ottobre ultimo scorso. Sarà completamente rimessa in sicurezza […]

La città di Recco, situata a pochi chilometri da Genova, si trova adagiata in un fondovalle in una posizione privilegiata da sempre: la città possiede infatti un facile accesso alla Val Fontanabuona, con le sue ardesie, e all’alta Val di Recco dalla quale partiva un lungo itinerario che, attraverso i valichi, le apriva la strada delle comunicazioni e dei traffici colla Val Padana.
Dopo i bombardamenti della seconda guerra mondiale che la rasero quasi al suolo, Recco conobbe una fervente ricostruzione e la conseguente ripresa economica.
A partire da allora Recco scoprì la sua vocazione gastronomica che le è stata riconfermata attraverso i decenni. Fra le sue specialità spicca la Focaccia al formaggio, divenuta talmente popolare da essersi identificata colla città. A questa prelibatezza, che prima della guerra altro non era se non la semplice focaccetta di tutti i Santi, la città di Recco deve il rilancio della sua economia, che attraverso la celebre Manuelina la rese nota a tutto il paese. Come molti altri alimenti nel corso della storia, la focaccia al formaggio nasce da tempi magri, di ristrettezze, in cui occorre aguzzare l’ingegno, combinare con sapienza i pochi ingredienti a disposizione, e riuscire a rendere appettibile un piatto “povero” con fantasia ma soprattutto con intelligenza; il più delle volte questi piatti sono nati da generazioni che hanno perfezionato attraverso i secoli un singolo piatto, amalgamando i pochi ingredienti a disposizione magari con delle aggiunte, in una sintesi pressocchè perfetta, inimitabile. I liguri sono riusciti a creare una cucina eccellente, equilibrata e sana, copiata (male) in tutto il mondo, partendo dal niente o quasi (si pensi al pesto, alla nostra focaccia o alla farinata). Le situazioni che aguzzavano l’ingegno dei nostri progenitori erano spesso provocate dalla penuria di risorse, o come nel caso della focaccia al formaggio, da soggiorni forzati sulle colline per proteggersi da pericoli, da situazioni incombenti insomma, che costringevano a spostarsi od addirittura a fuggire con poche vettovaglie, forse un pò d’olio, e a sopravvivere in un area ristretta cibandosi esclusivamente di ciò che si trovava sul posto. Si fa risalire la nascita della focaccia al formaggio ai tempi delle crociate o comunque ai tempi in cui le nostre coste erano flagellate dai temibili saraceni. Le genti di Recco, che vivevano sulla costa al tempo delle incursioni, periodicamente si nascondevano nell’entroterra in collina, dove non c’erano che frumento e greggi. Non a caso le colline dell’entroterra sono punteggiate da numerosi mulini in rovina che attraverso i secoli dovettero provvedere alla farina da cuocere insieme al formaggio prodotto dagli armenti. Da questo semplice amalgama di farina olio e formaggio è nato un piatto semplice ma perfetto, equilibrato e dal sapore divino, che tutti ci invidiano. Questo piatto di sopravvivenza passò inosservato per parecchio tempo. Riscoperto attorno alla prima guerra mondiale come alimento “energetico”, in un tempo in cui la dieta era povera e l’apporto calorico scarso, ha successivamente conosciuto l’acesa a partire dal secondo dopoguerra con la nascente industria turistica. Oggi piatto forte della nostra cucina, si contende la palma d’oro della gastronomia ligure e Recco, una delle capitali della gastronomia italiana, l’ha incoronata regina. Ma non bisogna dimenticare che oltre a quella gastronomica Recco ha un’altra forte vocazione, una vocazione sportiva che ha forti legami col mare, nata quasi un secolo fa e che ha conosciuto un’irresistibile ascesa, collocando la squadra della città ai vertici delle classifiche: quella della pallanuoto. La storia di questa squadra, la Pro Recco, risale al lontano 1913. A quel tempo si chiamava Enotria, come i bagni presso i quali venne inaugurata. Nel 1954 entrò nel mondo della pallanuoto nazionale e dopo pochi anni, nel 1959, vinse il suo primo scudetto. Negli anni a seguire la squadra recchese la fece da campione per 16 stagioni, portando a casa ben 14 scudetti. Nel 1964 la Pro Recco vinse la Coppa dei Campioni. Campioni nazionali nel 1978, 1982 e 1984 i nostri pallanuotisti si aggiudicano un’altra Coppa dei Campioni nel 1983. Dopo qualche anno di “pausa”, nel 2002 la società pro Recco attraversa un cambio radicale grazie a un gruppo di imprenditori genovesi che decide di rilevarla. Tornerà a vincere: entrano nelle sue fila campioni della caratura di Ikodonovic, Giustolisi, Rollan e Vusjanovic . Con questa grande squadra la pro Recco decolla un’altra volta e vince il suo diciannovesimo scudetto. Nel 2003 si aggiudica la Coppa dei Campioni. Nel 2004 subentra il nuovo presidente Volpi e nel 2006 la squadra vince il suo ventesimo scudetto, portando a casa nel giro di due anni (dal 2007 al 2009) la tripletta della Coppa Italia, Coppa dei Campioni e Campionato Nazionale. La Pro Recco può vantare oggi una scelta dei migliori giocatori “nostrani” come il portiere Tempesti, Felugo, Di Costanzo e Calcaterra e quelli stranieri, come gli attaccanti Tibor Benedek e Tamas Kasas, Norbert Madaras, Vanja Udovicic. Per la stagione 2009-2010 anno la Pro Recco si è assicurata un terzetto formidabile di nuovi giocatori: l’australiano Pietro Figlioli ed i croati Buric e Premus. Non dimentichiamo però i vecchi campioni che hanno contribuito a far diventare grande la Pro Recco: fra questi, Franco Lavoratori che assieme ad Eraldo Pizzo, detto il caimano, aveva contribuito a tante vittorie fra cui il primo scudetto nel 1959. Assieme a Lavoratori vanno ricordati anche vecchi campioni com Merello, Guidotti, Giraldi, Sogliano, Maraschi e Cevasco. I già citati Lavoratori e Pizzo erano nella squadra che vinse l’oro alle Olimpiadi del 1960. Un’altra “specialità” in cui Recco si è distinta negli ultimi decenni e che catalizza ogni anno migliaia di visitatori nel Golfo Paradiso sono i suoi spettacolari fuochi d’artificio, che vengono sparati in occasione della festività del 6,7 ed 8 Settembre in onore a N.S. del Suffragio, patrona della città, e che sono frai più apprezzati d’Italia.
All’evento competono i sette quartieri di Recco: Bastia, Ponte e Collodari, Verzemma, Liceto, San Martino e Spiaggia, ognuno sparando i propri fuochi da diversi punti del comprensorio.
(Fra le numerose frazioni che si sviluppano sia ai suoi lati che alle sue spalle nel fondovalle abbiamo: Carbonara, Collodari , Corticella , Cotulo , Megli, Mulinetti , San Rocco, Verzemma, Liceto).